I RIVELI DEL 1607 a RAGUSA | MODICA ANTICA | LA CONTEA Dl MODICA NEL REGNO Dl SICILIA | MEDITAZIONI DI UN DEPORTATO

EDITORE: Centro Studi Feliciano Rossitto
Prezzo 34,00

PER ACQUISTARE:

Prof. Giuseppe Raniolo
97015 - MODICA (RG), via Nazario Sauro n 39
Tel. 0932-941913 -
raniologiuseppe@tiscalinet.it

I RIVELI DEL 1607 A RAGUSA
Numerazione delle anime e descrizione dei beni

Un'opera nuova sui "Riveli" - o denuncia delle persone e dei beni - in Sicilia e, in particolare, su quelli del 1607 a Ragusa, un'opera di ampia rilevanza storico-sociale del feudalesimo isolano sia pure nell'ambito di una piccola città di sei-sette mila abitanti.

Essa attraverso una ricca documentazione manoscritta pone in evidenza il vivere civile di tale città annotato nei suoi più vari aspetti in un'epoca a cavallo tra la fine del Cinquecento e l'inizio del Seicento contraddistinta dall'uso di un dialetto locale che risente fortemente del volgare illustre siciliano.

L'Autore, mentre ha dedicato a tale dialetto il terzo capitolo di questa Introduzione, ha inserito in quest'ultima altri argomenti ora per farci conoscere le modalità ed il contenuto di un rivelo (Capitolo primo) ora per indicarci distintamente quartieri e contrade dell'antica Ragusa (Capitolo secondo) ora per riferire le voci e i dati della trascrizione succinta in c.p. di circa settemila pagine originarie per quasi 1400 rivelanti (Capitolo quarto) compilando sia 180 prospetti riservati alle singole denunce sia 166 diagrammi relativi alle famiglie ed ai beni.

Ha quindi aggiunto in appendice sia un ricco glossario (78 pagine) riguardante noi comuni e rari insieme a personaggi ed istituzioni dell'Isola e della Contea di Modica sia il tema delle concessioni enfiteutiche in quest'ultima richiamando il cosiddetto "Libro Marino" e trascrivendo dall'originale alcune di tali concessioni riferite con termini, simboli ed abbreviazioni di difficile lettura sia il testo integrale di un rivelo di appena due fogli.

Giuseppe Raniolo è nato a Ragusa il 25 gennaio 1918. Dopo aver frequentato ivi le scuole elementari e quelle medie inferiori, si trasferì a Modica, ove nel 1937 conseguì il diploma dell'Istituto Magistrale e l'anno dopo, quello di maturità presso il locale Liceo Classico. Quindi nel 1942, conseguì la Laurea in Lettere presso l'Università di Catania.
Alla fine del 1945, dopo aver prestato il servizio militare e sibìta la deportazione in Germania, insegnò da supplente materie letterarie in varie scuole medie, fino a quando, nell'anno scolastico 1949-1959, da titolare, ebbe assegnata la cattedra di lettere; dapprima in una delle due scuole medie di Modica, successivamente, nel 1967/68, presso l'Istituto Magistrale G. Verga della stessa città.
Essendo andato in congedo qualche anno prima del 1980, d'allora in poi si è dato alla ricerca storica frequentando, nella medesima città, la Sezione dell'Archivio di Stato di Ragusa e pubblicando via via, in mensili vari, interessanti articoli di carattere storico-sociale riguardanti appunto la Contea di Modica.
Le ricerche intorno a quest'ultima gli hanno dato ben presto l'occasione di elaborare varie interessanti opere edite dall'Associazione Culturale "Dialogo", oltre a quella pubblicata dal Comune di Vittoria nel 1990 dal titolo "La Nuova terra di Vittoria dagli albori al Settecento".