Home Page La Sicilia in Rete! in english
cerca in:
Agrigento | Caltanissetta | Catania | Enna | Messina | Palermo | Ragusa | Siracusa | Trapani | Tutte le città | Links utili

La Sicilia

TURISMO
Hotels
Agriturismo
Bed and Breakfast
Case Vacanza
Ville
Camping
Villaggi
Ristoranti

Acquista Casa in Sicilia
Lavoro in Sicilia

Presentazione
Geografia
Economia
Storia
Arte
Musei
Gastronomia
Feste e Sagre
Fotografie
Cartoline
Video
Meteo
Mappe

News e Articoli
Eventi e Appuntamenti
Il Cinema in Sicilia

Aziende ed Economia
Olio di Sicilia
Vino di Sicilia
Prodotti Tipici

Le 9 province

Agrigento
Caltanissetta
Catania
Enna
Messina
Palermo
Ragusa
Siracusa
Trapani
Tutte le città

LINKS UTILI

 

HOME | PROVINCIA DI PALERMO | I COMUNI | CEFALA' DIANA

CEFALA' DIANA

Tutte le foto di CefalÓ Diana La programmazione cinematografica
Spedisci una cartolina da CefalÓ Diana Dove alloggiare a CefalÓ Diana
I ristoranti di CefalÓ Diana • Le pizzerie di CefalÓ Diana
I siti Web su CefalÓ Diana Le aziende di CefalÓ Diana
Viaggi a CefalÓ Diana Libri su CefalÓ Diana
Eventi a CefalÓ Diana News a CefalÓ Diana
E-mail di CefalÓ Diana Feste e Sagre

Il paesino, di recente fondazione (fu abitato a partire dal 1755, quando il Duca Diana ricevette lo jus populandi), merita una visita soprattutto per i suoi bagni arabi, esempio unico di edificio termale risalente al X sec. in Sicilia. In paese, invece, vale la pena effettuare una breve sosta al castello, del XIII sec., di cui resta solo una robusta torre quadrangolare e ruderi delle mura di cinta. Costituiva in origine un baluardo difensivo sull'asse di collegamento rappresentato dalla strada Palermo-Agrigento, per divenire nei secoli successivi deposito di granaglie e infine nel XVIII sec. residenza nobiliare. Molto interessanti inoltre, nella piazza del paese, le espressive sculture in bronzo di Biagio Governali, artista corleonese contemporaneo: le formelle della Porta dei Miracoli (Chiesa di S. Francesco di Paola), il Monumento ai Caduti e il Monumento agli Emigranti, di intensa drammaticitÓ.

I bagni - Si trovano a poco pi¨ di 1 km a nord del paese, presso il torrente Cefal¨, all'interno di un suggestivo baglio restaurato, di cui non Ŕ possibile stabilire la datazione, ma che Ŕ sicuramente anteriore al 1570. Probabilmente questi edifici esterni ai bagni servivano ad ospitare gli ammalati che ricorrevano a queste terme di acque sulfuree per la cura dei reumatismi.
L'edificio a pianta rettangolare, in mattoni, Ŕ costituito da una grande sala coperta da una bella volta a botte, nel cui pavimento si trovano tre vasche, dove un tempo ce n'era una sola molto ampia. Questa parte anteriore Ŕ separata dal fondo della sala, sopraelevato, da un elegante tribelon, triplice arcata ad arco rialzato del tipo arabo, da sottili colonnine in marmo, con capitelli in terracotta e pulvino. Dietro il tribelon si trova un'altra vasca pi¨ piccola, dove si raccoglievano le acque termali che sgorgavano naturalmente dal terreno e venivano poi convogliate alla vasca grande. La volta Ŕ punteggiata di fori per l'aereazione, mentre tutt'attorno alle pareti si trovano delle nicchie che servivano probabilmente a custodire gli indumenti dei bagnanti.


acquista
buy on line
Michelin Green
Guide of Sicily

:: in italiano ::

:: in english ::

 


Note legali, Cookie Policy e Privacy - Realizzazione: Studio Scivoletto